Dic09

THE CURE
16/06/19

The Cure a Firenze chiuderanno il Festival Rocks 2019 il 16 giugno. Quaranta anni di carriera, 13 album in studio, due Brit Awards, più di 1.300 concerti in tutto il mondo, quella di Robert Smith è una vera leggenda della storia del rock e una delle band più influenti di tutti i tempi. Da loro ci si aspetta un lungo concerto con tutti i più grandi successi della carriera.

I Cure, band inglese guidata da Robert Smith, salirà sul palco a Firenze della Visarno Arenanella giornata di domenica 16 giugno per un unico grande concerto in Italia.

The Cure, presenti a Firenze, sono una delle band inglesi più iconiche del globo. Formati a Crawley nel Sussex (Inghilterra), i THE CURE si sono esibiti per la prima volta nel 1978. Ad oggi hanno tenuto oltre 1.500 concerti in tutto il mondo, pubblicato 13 album in studio, diversi film-concerto, live-album, oltre 40 singoli, due box set ed alcune compilation. Il loro nuovo disco – ancora senza titolo – è previsto per il 2019. Il loro album di debutto, intitolato “Three Imaginary Boys”è stato pubblicato nel 1979. Uno dei loro dischi di maggior successo è la raccolta “Greatest Hits”. Tra i loro singoli entrati a far parte della storia della musica si ricordano le hit Boys Don’t Cry, A Forest, The Lovecats, Inbetween Days, Close To Me, Just like Heaven, Lullaby, Lovesong, High, Friday I’m in Love, Wrong Number e The End of the World. A luglio i The Cure hanno tenuto un grande concerto per celebrare 40 anni di carriera di fronte a 65.000 persone accorse a Hyde Park a Londra. Il concerto è stato definito dalla critica come “uno dei loro migliori show”. Nel corso della loro carriera, i The Cure hanno cambiato 13 membri. La formazione attuale vede sul palco Robert Smith (voce e chitarra), Simon Gallup (basso), Jason Cooper (batteria), Roger O’Donnell (tastiere) e Reeves Gabrels (chitarre).

Sum41 suoneranno prima di The Cure a Firenze nell’ultima giornata del festival.
Sum41 sono una delle band simbolo della storia del punk rock mondiale e tornano in Italia dopo l’incredibile show evento di I-Days 2017 (assieme a Linkin Park, Blink 182 e Nothing But Theves) davanti a 90.000 persone. 

La band formata da Deryck Whibley, Dave Brownsound, Tom Thacker, Cone McCaslin e Frank Zummo torna con un album, “13 Voices”, che segna una vera e propria rinascita. I tre singoli estratti dall’album, “War”, “Fake My Own Death” e “God Save Us All (Death to POP)” sono il segnale netto e deciso del ritorno in grande stile dei Sum41, di nuovo con la formazione a 5 elementi e con quel sound inconfondibile che li ha resi una delle più celebri band punk rock del mondo.

WhatsApp WhatsApp