Arrow
Arrow
LE VIE DELLE ACQUE - le Acque di Montecatini contro ansia, stress e depressione
Slider
HERE_PUT_A_PLACEHODLER_OR_LEAVE_EMPTY

A Luglio presso lo SmArt Hotel Bartolini la mostra di due artiste bielorusse per il progetto “Carattere Donna : Ilona Kosobuko & Anna Karan

 

Ilona Kosobuko

Progetto artistico: “Carattere della donna” ideato e curato da Yuliya e Alesia Savitskaya ed ospitato dallo SmArt Hotel Bartolini a Montecatini Terme viene a luglio presentata la mostra collettiva dell’artiste Ilona Kosobuko e Anna Karan.

Anna Karan

L’amicizia di queste due pittrici riunisce e fonde due personalità diverse, due diversi stili creativi, il primo astratto e l’altro figurativo, ma entrambi si avvicinano nella gamma cromatica che caratterizza questa mostra. I sogni e le problematicità, il romanticismo e l’esperienza arrivano sulla tela dalla mano professionale di entrambe le artiste, mostrando al pubblico un armonia d’immagini e colori.

L’artista Ilona Kosobuko è nata a Minsk, in Bielorussia, nel 1966 e el 1985 si è laureata presso il Collegio Repubblicano di I. Ahremchik, specializzato in musica e belle arti. Poi nel 1991 si è laureata presso l’Accademia Statale d’Arte e dal  1999 è membro dell’Unione degli artisti bielorussi. Nel 2009 è diventata anche membro dell’Unione internazionale degli artisti con sede a Parigi.

Ilona Kosobuko si caratterizza sia per una pittura a cavalletto e quella monumentale, vicina alla progettazione architettonica, l’interior design ed alla decorazione.

Dal 1989 partecipa, poi, al mostre nazionali e internazionali plein airs in Bielorussia, Belgio, Bulgaria, Cina, Germania, Lettonia, Lituania, Emirati Arabi Uniti, Polonia, Russia, Slovacchia, Svizzera. Diventa, così, professoressa onoraria dell’ Art Institut di Nankin( Cina), con il titolo e premio “Le opere d’arte internazionali a Minsk per artisti provenienti dalla Slovacchia, Ucraina, Polonia, Cina”. Le sue opere sono presente nel Museo Nazionale d’Arte della Repubblica di Belarus, nel Museo di Belle Arti Moderne di Minsk (Rep. Belarus), nel Museo d’Arte di Varna (Bulgaria), in quello d’Arte di Sharjah (Emirati Arabi Uniti), nel Museo d’Arte Nazionale della Cina (Pechino, Cina), presso la China Artists Associations del Ministero degli Affari Esterni Chinese (Cina), nella collezione della tedesca Deutsche Bank. Inoltre le sue opere sono presenti nella collezione “Liebherr” in Germania e in diverse collezioni private.

L’altra artista presente, Anna Karan, ha affermato che: “L’Italia secondo me è un paese sensuale ed emotivo, questo è Il luogo in cui è possibile mostrare la versatilità del carattere di una Donna. Per il progetto “Carattere della Donna” voglio presentare una serie di opere astratte che esprimono diversi umori, una molteplicità di stati d’animo. I titoli delle opere sono allegorici. Le immagini riecheggiano la poliedricità del carattere femminile. Le opere utilizzano soluzioni artistiche tratte da materie plastiche vegetali. Il tema della natura, infatti, e quindi del naturalismo è fondamentale nel rivelare i vari stati delle donne. L’Italia è piena di colori, gusti, stati emozionali ed è un posto favorevole per aprire gli angoli dell’anima femminile”.

Anna Karan è nata a Minsk (Bielorussia) nel anno 1981. Adesso vive e lavora a Praga. Nel 2003 si è diploma presso il collegio statale d’arte A. Glebov a Minsk, per laurearsi nel 2010 presso l’Accademia Statale d’Arte di Minsk. Dal 2006 al 2007 ha frequentato uno stage presso Accademia statale d’arte di Praga, presso il dipartimento di Michael Ritysteinl e in quel periodo ha creato il logo ed il manifesto “Protezione dei bambini” (State Art Festival) a Minsk. Nel 2009 ha vinto il premio speciale ITAR TASS e nel 2014 ha partecipato al prestigioso festival internazionale d’arte “Vera”a Lisbona. Innumerevoli sono le sue esposizioni plein airs in Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia, Italia e Lituania. Le sue opere si trovano in varie collezioni private in Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia, Ucraina, Germania.

Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrShare on Google+